Translucenza nucale

Translucenza nucale

15/09/2020 Off Di Redazione Mondo Mamma

Translucenza nucale: che cos’è e a che cosa serve

La translucenza nucale è un esame a cui vengono sottoposte le donne in gravidanza. Essa, al momento dello screening, si traduce in unafenditura translucida sulla cute nucale del feto.

Lo spesso della translucenza nucale potrebbe indicare la presenza di anomalie cromosomiche, come nel caso della sindrome di Down.

Ma come e quando bisogna effettuare tale test?

Proviamo a capirci di più.

Quando si effettua il test di translucenza nucale?

La futura mamma viene sottoposta allo screening nel primo trimestre di gestazione. L’anomalia si verifica nel caso la translucenza superi un certo limite di spessore, che orientativamente potremmo collocare attorno ai 3 mm. In questo caso il feto potrebbe essere affetto dalla sindrome di Down o riportare difetti cardiaci.

Il test della translucenza è attendibile?

Il test della translucenza è, nella maggior parte dei casi, molto attendibile. Esso infatti tende a prevedere circa il 60-70% delle nascite di bambini affetti da Sindrome di Down.

Ciononostante, occorre tenere bene a mente che il test della transulecenza è solo uno screening e non un vero e proprio esame. Questo significa che l’esito può indicare una probabilità di anomalie ma non ne può essere certo.