SLEEP PARALYSIS di Roberto Bontà Polito

SLEEP PARALYSIS di Roberto Bontà Polito

03/12/2019 0 Di Redazione Mondo Mamma

SLEEP PARALYSIS – di Roberto Bontà Polito 

giovedì 5 dicembre 2019, alle ore 12, al Multicinema MODERNISSIMO

(via Cisterna dell’Olio n. 59 – Napoli)

il regista Roberto Bontà Polito presenterà il cortometraggio Sleep Paralysis e parlerà del suo prossimo lungometraggio che sarà prodotto da Giuseppe Colombo   interverranno le attrici Noemi Gherrero, Nunzia Campanile, Anna De Nitto,

con la partecipazione della psicologa Simona Toto 

 

Giovedì 5 dicembre 2019, alle ore 12, al Multicinema MODERNISSIMO in via Cisterna dell’Olio n. 59 – Napoli, il regista Roberto Bontà Polito presenterà il cortometraggio Sleep Paralysis e parlerà dei suoi prossimi progetti, tra cui un nuovo lungometraggio prodotto da Giuseppe Colombo.

All’evento interverranno le attrici Noemi Gherrero, Nunzia Campanile e Anna De Nitto, e la psicologa Simona Toto.

 

SCHEDA TECNICA

Titolo: Sleep Paralysis

Durata: 5’12”

Scritto e diretto da Roberto Bontà Polito

Prodotto da Marcello Tarantino e Babel Studios

 

Protagonisti (in ordine di apparizione)

Infermiera: Noemi Gherrero

Infermiera 2: Nunzia Campanile

Donna anziana: Anna De Nitto

Direttore della fotografia: Peppe De Muro

                                          

TRAMA

Nell’Ospedale San Gennaro, nel cuore del centro storico di Napoli, un’infermiera fa il turno di notte. E’ giovane, sensibile e incinta di due mesi. Quando una collega le propone di concedersi un po’ di riposo, accetta perché è molto stanca, anche a causa della nausea. L’orologio segna le 03.00 quando apre gli occhi e si ritrova nel peggiore degli incubi, prigioniera del suo stesso corpo che le impedisce di muoversi e di urlare mentre dall’ombra si materializza qualcuno che inizia ad avvicinarsi minaccioso.

 

COS’E’ la PARALISI NOTTURNA

la paralisi del sonno o paralisi ipnagogica è un disturbo del sonno sperimentato quasi da una persona su due almeno una volta nella vita. Ad attivarlo, per gli esperti, è la mancanza di regolarità nel ritmo sonno-veglia e, in particolare, la deprivazione di sonno.

E’ dunque un’esperienza molto comune, estremamente variabile nella durata – può infatti andare da pochi secondi a diversi minuti – e decisamente spaventosa perché chi ne è colpito è del tutto cosciente ma incapace di svolgere qualsiasi attività motoria volontaria, compreso parlare o urlare, ed avverte una netta sensazione di pericolo e minaccia che può sfociare in allucinazioni uditive o visive.

 

ROBERTO BONTA’ POLITO

Roberto Bontà Polito,  37 anni,  pluripremiato regista napoletano, ha all’attivo numerosi lavori tra cui decisamente spicca Janara, film del 2015 che ha conquistato critica e pubblico, tanto da restare nelle sale (anche negli UCI Cinemas di Roma e del Lazio) per un periodo ben più lungo di quello programmato.

Laureato in Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli con il massimo dei voti, ha lavorato come libero professionista per diverse emittenti televisive e produce autonomamente documentari, videoclip, trasmissioni tv e cortometraggi.

Interessato da sempre alla storia e alle tradizioni del nostro territorio, Roberto Bontà Polito può sicuramente essere considerato l’inventore dell’horror-thriller partenopeo inteso non come fiction di suspance e azione girata all’ombra del Vesuvio o più in generale in Campania, ma come genere a sé dove convivono e si alimentano le une delle altre – proprio come a Napoli –luci ed ombre, soprannaturale e scienza, fede e psicopatologia, azione e astrazione, mentre la napoletanità  – intesa come organismo vivente fatto di storia, tradizioni, miti, leggende, fede, cultura, paesaggio, natura –  è essa stessa protagonista della pellicola e avvince e vince qualsiasi stereotipo, come dimostrato ampiamente da Janara. Anche per questo c’è grande attesa per i prossimi progetti tra cui un nuovo lungometraggio, prodotto dal grande Giuseppe Colombo, che sarà incentrato sulla figura di uno tra i più noti “fantasmi” della tradizione napoletana: Bianca, la presenza che si aggira a Palazzo Spinelli di Laurino, in via dei Tribunali.